Osteoporosi

Osteoporosi

Per osteoporosi si intende quella condizioni patologica con perdita di massa e resistenza ossea, determinata da cause  nutrizionali, metaboliche o varie patologie

Nei soggetti anziani la diminuzione della densità ossea è processo praticamente parafisiologico, ma l’incremento delle fratture patologiche  determina diminuzione della qualità e della speranza di vita stessa,  per le complicanze dovute alle fratture  non adeguatamente trattate.

I tipo di osteoporosi

Si parla, a secondo della loro eziologia, di osteoporosi primarie , in caso di forme idiopatiche, post menopausali o senili (immobilizzazione prolungata, ridotto apporto calcico o vitaminico).

Le osteoporosi secondarie,  circa il 5-6% del totale , sono legate a varie patologie quali  l’iperpratatiroidismo, la malnutrizione, l’utilizzo protratto ad alte dosi di  farmaci cortisonici, antiepilettici, anticoagulanti, all’artrite reumatoide,  alla sarcoidosi, ad alcune neoplasia ed altre più rare patologie.

L’osteoporosi è più frequente nelle donne, a causa della carenza ormonale legata alla menopausa.

I fattori di rischio dell’osteoporosi

E’ possibile individuare alcuni fattori di rischio che aumentano possibilità di sviluppare osteoporosi.

Alcuni di questi, quali  l’ereditarietà, l’età avanzata e le carenze ormonali in menopausa, non sono modificabili, mente per  altri,  considerati modificabili, quali l’abuso di alcol, il basso peso corporeo, la scarsa attività fisica e le prolungate terapie con vari farmaci, è possibile agire prevenendo l’insorgenza dell’osteoporosi stessa.

I danni prodotti dall’osteoporosi

Lo stadio iniziale dell’osteoporosi è detta Osteopenia, situazione asintomatica, caratterizzata da  iniziale riduzione del tono calcico nelle  ossa.

I segmenti scheletrici che per primi vanno incontro a tale processo sono le vertebre dorso-lombari, i femori ed i polsi.

Con l’osteoporosi conclamata c’è la comparsa dei sintomi dolorosi a ossa e muscoli, legati a  microfratture o a lesioni più importanti, che generalmente coinvolgono la colonna dorsolombare, il bacino e le anche.