La visita ginecologica e il Pap Test

Visita ginecologica

Come viene eseguita una visita ginecologica

Nella prima parte di una visita ginecologica, lo specialista ginecologo/a provvede ad inquadrare la paziente dal punto di vista anamnestico, sia familiare che personale, e alla valutazione del quadro clinico con domande relative alle caratteristiche ed alla cadenza del ciclo mestruale, alla situazione ormonale, sessuale e riproduttiva, allo stile di vita e all’eventuale assunzione di farmaci per patologie ginecologiche e non.

La seconda parte della visita consiste nell’analisi clinica vera e propria, sia ispettiva che palpatoria dell’apparato genitale interno ed esterno .

Mediante la visita lo specialista ginecologo/a e’ in grado di valutare consistenza , dimensioni ed eventuale dolorabilita’ di utero ed annessi.

Cos’è e come viene effettuato il PAP TEST

Il PAP TEST è un esame diagnostico che, mediante l’inserimento di uno speculum, permette di effettuare uno ” striscio ” con una piccola quantità di cellule del collo dell’utero .

Lo studio di queste cellule fornisce essenziali indicazioni sul loro stato, indicando precocemente la possibile presenza di una neoplasia del collo dell’utero.

Il referto comprende una sintetica descrizione delle caratteristiche delle cellule prelevate, ove diverse risposte riflettono la probabilità di sviluppare un tumore del collo dell’utero e ne dimostrano gia’ la sua presenza .

In caso di PAP TEST “non negativo” è indicato un approfondimento diagnostico mediante colposcopia o biopsia, o una ripetizione a breve scadenza del test, eventualmente associata a tecniche particolari per la tipizzazione HPV.

In altri casi si provvede alla sola ripetizione dell’esame per una insufficiente quantità di cellule prelevate o per la presenza di uno stato infiammatorio .

E’ importante sottolineare che il PAP TEST può dare utili indicazioni anche sull’equilibrio ormonale della donna, permettendo inoltre il riconoscimento di infezioni batteriche, virali o micotiche